Salmi da 131 a 135

Salmo 131

Signore, non si esalta il mio cuore
né i miei occhi guardano in alto;

non vado cercando cose grandi
né meraviglie più alte di me.

Io invece resto quieto e sereno:
come un bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è in me l’anima mia.

Israele attenda il Signore,
da ora e per sempre.

 

Salmo 132

Ricòrdati, Signore, di Davide,
di tutte le sue fatiche,

quando giurò al Signore,
al Potente di Giacobbe fece voto:

«Non entrerò nella tenda in cui abito,
non mi stenderò sul letto del mio riposo,

non concederò sonno ai miei occhi
né riposo alle mie palpebre,

finché non avrò trovato un luogo per il Signore,
una dimora per il Potente di Giacobbe».

Ecco, abbiamo saputo che era in Èfrata,
l’abbiamo trovata nei campi di Iaar.

Entriamo nella sua dimora,
prostriamoci allo sgabello dei suoi piedi.

Sorgi, Signore, verso il luogo del tuo riposo,
tu e l’arca della tua potenza.

I tuoi sacerdoti si rivestano di giustizia
ed esultino i tuoi fedeli.

Per amore di Davide, tuo servo,
non respingere il volto del tuo consacrato.

Il Signore ha giurato a Davide,
promessa da cui non torna indietro:

«Il frutto delle tue viscere
io metterò sul tuo trono!

Se i tuoi figli osserveranno la mia alleanza
e i precetti che insegnerò loro,

anche i loro figli per sempre
siederanno sul tuo trono».

Sì, il Signore ha scelto Sion,
l’ha voluta per sua residenza:

«Questo sarà il luogo del mio riposo per sempre:
qui risiederò, perché l’ho voluto.

Benedirò tutti i suoi raccolti,
sazierò di pane i suoi poveri.

Rivestirò di salvezza i suoi sacerdoti,
i suoi fedeli esulteranno di gioia.

Là farò germogliare una potenza per Davide,
preparerò una lampada per il mio consacrato.

Rivestirò di vergogna i suoi nemici,
mentre su di lui fiorirà la sua corona».

 

Salmo 133

Ecco, com’è bello e com’è dolce
che i fratelli vivano insieme!

È come olio prezioso versato sul capo,
che scende sulla barba, la barba di Aronne,
che scende sull’orlo della sua veste.

È come la rugiada dell’Ermon,
che scende sui monti di Sion.

Perché là il Signore manda la benedizione,
la vita per sempre.

 

Salmo 134

Ecco, benedite il Signore,
voi tutti, servi del Signore;

voi che state nella casa del Signore
durante la notte.

Alzate le mani verso il santuario
e benedite il Signore.

Il Signore ti benedica da Sion:
egli ha fatto cielo e terra.

 

Salmo 135

Alleluia.

Lodate il nome del Signore,
lodatelo, servi del Signore,

voi che state nella casa del Signore,
negli atri della casa del nostro Dio.

Lodate il Signore, perché il Signore è buono;
cantate inni al suo nome, perché è amabile.

Il Signore si è scelto Giacobbe,
Israele come sua proprietà.

Sì, riconosco che il Signore è grande,
il Signore nostro più di tutti gli dèi.

Tutto ciò che vuole
il Signore lo compie in cielo e sulla terra,
nei mari e in tutti gli abissi.

Fa salire le nubi dall’estremità della terra,
produce le folgori per la pioggia,
dalle sue riserve libera il vento.

Egli colpì i primogeniti d’Egitto,
dagli uomini fino al bestiame.

Mandò segni e prodigi
in mezzo a te, Egitto,
contro il faraone e tutti i suoi ministri.

Colpì numerose nazioni
e uccise sovrani potenti:

Sicon, re degli Amorrei,
Og, re di Basan,
e tutti i regni di Canaan.

Diede in eredità la loro terra,
in eredità a Israele suo popolo.

Signore, il tuo nome è per sempre;
Signore, il tuo ricordo di generazione in generazione.

Sì, il Signore fa giustizia al suo popolo
e dei suoi servi ha compassione.

Gli idoli delle nazioni sono argento e oro,
opera delle mani dell’uomo.

Hanno bocca e non parlano,
hanno occhi e non vedono,

hanno orecchi e non odono;
no, non c’è respiro nella loro bocca.

Diventi come loro chi li fabbrica
e chiunque in essi confida.

Benedici il Signore, casa d’Israele;
benedici il Signore, casa di Aronne;

benedici il Signore, casa di Levi;
voi che temete il Signore, benedite il Signore.

Da Sion, benedetto il Signore,
che abita in Gerusalemme!

Alleluia.