La coroncina si  inizia recitando  1 Pater 1 Avre ed 1 Credo;

si prosegue poi in questo odo:

a) sui grani grossi, una volta:
Eterno Padre
Ti offro il Corpo e il Sangue l'Anima e la Divinità
del Tuo dilettissimo Figlio Nostro Signore Gesù Cristo
in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero.


b) sui grani piccoli, dieci volte:
Per la Sua dolorosa Passione abbi misericordia di noi e del mondo intero.

c) alla fine della Corona, si dice tre volte:
Dio Santo Dio Forte Dio Immortale
abbi pietà di noi e del mondo intero.

 

Suor Maria Faustina Kowalska

 

Suor Maria Faustino Kowalska, della congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia, nacque in Polonia nel 1905 e visse per soli 33 anni. Suor Faustino era la terza di dieci figli educati cristianamente dai genitori e già da bambina manifestava la sua vocazione religiosa. Frequentò la scuola per appena tre anni e presto prese servizio in famiglie come domestica per mantenersi e aiutare la sua famiglia. A 18 anni scelse di scappare di casa per sfuggire al parere contrario dei suoi genitori i quali non volevano che divenisse suora. Girovagò per vari conventi che la rifiutavano e prese ancora servizio come domestica  presso una signora prima di essere accolta tra le suore della B V della Misericordia in Varsavia. Il suo Diario è il tesoro che Suor Faustino lascia a tutte le anime che desiderano costruire un rapporto d’amore con Gesù, lo Sposo con il quale lei dialoga ogni giorno e dal quale scaturiscono tutte le grazie e la infinita Misericordia. È definita la suora Apostola della Divina Misericordia per le varie iniziative a cui è sta chiamata dalla Divina Grazia per divulgare nel mondo il dono della grande e infinita Misericordia di Dio verso l’umanità bisognosa di essere salvata. Il Diario di Suor Faustina è scuola di vita spirituale, è una guida ricca di consigli pratici e un linguaggio semplicissimo per tutte le anime che desiderano crescere  nello spirito, conoscere e sperimentare, pur nelle infinite difficoltà, la vita nascosta dei Santi che vivono un rapporto mistico con Dio, un’intimità colma d’amore e condivisione delle gioie grandi e delle profonde sofferenze di Dio per la salvezza delle anime. La vita di Suor Faustina è anche la storia di una ragazza che vede, parla, gioisce e soffre con Gesù, Maria Santissima, gli Angeli, i Santi del Cielo e le anime del purgatorio. Suor Faustina, nell’umiltà e nell’obbedienza, nella sopportazione e nell’offerta completa di sé alla Santa Volontà, accetta di soffrire nascostamente le stigmate per amore verso il suo Sposo che la ricolma di tanti doni come l’ubiquità e la profezia a servizio della conversione delle anime. Il papà Santo Giovanni Paolo II nel 1980, sensibile al richiamo della Divina Misericordia suscitato da Gesù tramite Suor Faustina, scrive l’Enciclica Dives in Misericordia e nel 2000 santifica la suora e istituisce la Festa della Divina Misericordia la prima domenica dopo Pasqua.

 

Il confessore di Suor Faustina fu Michal Sopocko.

Dopo anni di tribolazioni ansie e incertezze, finalmente nel 1933 Suor Faustina ottenne la grazia di incontrare il confessore che desiderava: don Michal Sopocko il quale, oltre che essere la sua guida in terra secondo le disposizioni di Gesù di portare a termine la missione di diffondere la devozione alla Divna Misericordia, aiutò la Santa a trovare il pittore che dipinse l’immagine del Gesù Misericordioso: il quadro fu esposto a Vilnius (ora città della Lituania) nella chiesa Porta dell’Aurora.

Fu don Sepocko a scrivere la Costituzione della nuova Congregazione delle Suore di Gesù Misericordioso.